Shqiponja. TIRANA: l’Aquila del cambiamento

Tirana, capitale del Paese delle Aquile in questi ultimi venti anni ha assistito ad un deflusso migratorio di due tipi: il primo per ricercare nuove opportunità di lavoro, il secondo caratterizzato da un’ondata di ritorno di uomini e donne decisi a confluire nel movimento di ricostruzione ed ammodernamento dell’Albania.Tirana sta vivendo una forte espansione dovuta all’insediamento di attività produttive industriali e del terziario legate a investitori internazionali. Inevitabili i mutamenti urbani che l’hanno riqualificata tramite piani urbanistici e interventi architettonici firmati da importanti architetti internazionali come Daniel Libeskind* che ha realizzato Magnet, un importante centro residenziale di circa 800 appartamenti. Il complesso si compone di due edifici: Eagle in flight già completato e Orion in fase di realizzazione. La città di Tirana si pone come una dei laboratori europei più interessanti per la vitalità e l’unitarietà con cui affronta la rapida crescita e la costruzione di un’immagine di metropoli internazionale. Shqiponje vuole raccontare per immagini la metamorfosi di Tirana. Una città Europea, giovane, viva e piena di opportunità. L’ho fotografata in lungo e in largo facendomi ispirare dalle nuove forme e dalla luce che da ogni dove si “percepiva”. 

Questo progetto si ispira a Shqiponja/Aquila, in albanese appunto, simbolo dell’Albania in volo verso le democrazie occidentali europee. Si tratta di un nuovo paradigma che come un faro illuminerà la direzione verso un nuovo e brillante futuro per l’Albania (Daniel Libeskind). Una metropoli di quasi 1 milione di abitanti che ho fotografato dal basso e dall’alto (Sky tower) per esaltare i suoi colori, le sue strade le sue architetture come raccolti su di una tavolozza di colori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *